la Valletta diario di una crociera msc

la Valletta diario di una crociera msc

Dal porto di Messina riprendiamo la navigazione nel mar Ionio per tutta la notte, con una  destinazione la Valletta, capitale di Malta, posizionata in zona est dell’isola.

La lingua parlata è il Maltese,ma comprendono molto bene anche Italiano e Inglese. Ore 7:00 facciamo ingresso nel porto, appena svegli la luce è quasi accecante, la temperatura mite ma è veramente uno spettacolo!!!!!.

Colazione poi ci mettiamo in coda per scendere.  Appena a terra ci appare un panorama stupendo edifici bianchi e nelle strade moltissime carrozze con cavalli per tour turistici, sembra di essere tornati indietro nel tempo!!!

image
la Valletta diario di una crociera msc LA VALLETTA DAL PORTO
image
la valletta diario di una crociera msc

Dal porto ci incamminiamo per raggiungere l’ ascensore panoramico, che collega il fossato agli Upper Barrakka Gardens giardini colonnati, risalenti al XVI secolo.

All’interno bellissime sculture, pittoreschi sentieri immersi nel verde, da qui una vista mozzafiato, si gode di uno dei più bei panorami di Malta.

Questi bellissimi giardini, occupano una posizione strategica sulla parte alta di una roccaforte e dominano il Porto Grande.

La terrazza sottostante è occupata da cannoni  (Saluting Battery), un tempo venivano caricati a salve, per salutare le navi, oggi il rituale continua ogni giorno allo scoccare delle 12:00.

cimg1503
ASCENSORE Upper Barrakka Garden
image
Upper Barrakka Garden
image
VISTA DA Upper Barrakka Garden

 

image

cimg1507
CANNONI Saluting Battery

 

cimg1509
CANNONI Saluting Battery

Da qui ci dirigiamo verso il centro, a vedere la Chiesa di Santa Caterina, costruita nel 1500 per creare un luogo di celebrazione cattolica.

Al suo interno sono presenti alcuni affreschi di Mattia Preti, il cosiddetto Cavaliere Calabrese, famoso pittore italiano del ‘600 della scuola del Caravaggio.

 È stata riaperta in occasione del centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia, dopo innumerevoli restauri dovuti ad infiltrazioni e degrado del tempo.

image
CHIESA SANTA CATERINA

Più avanti ecco la cattedrale di St John’s una delle chiese più belle della Valletta costruita nel 1573 al suo interno l’altare è decorato con marmi pregiati. intimi si trovano 2 famosi dipinti di Caravaggio: il dipinto di San Girolamo e La Decollazione di San Giovanni Battista.

image
St John’s
image
St John’s

Il tempo è pochissimo alle 12:00 dobbiamo risalire sulla nave 😡 bisogna correre al Forte di St Elmo…. 🙄  🙄  Con passo spedito lo raggiungiamo.

Esso simbolo della città e della nazione. Da qui inizia la storia di Malta, una delle prime fortificazioni storiche per difendersi dai Turchi durante il grande assedio del 1565, mesi di dura resistenza ma alla fine l’sola vinse, eleggendo IL FORTE DI ST ELMO come monumento della resistenza Cristiana contro gli Ottomani in Europa.

image
LA VALLETTA St Elmo.
cimg1521
St Elmo.

imageimagecimg1535 Corri corri corri alla fine ci è rimasta ancora un’oretta 🙂 !!! Prendiamo l’occasione quindi di recarci a Floriana città situata vicino alla Capitale per vedere la statua dell’Indipendenza e la maestosa chiesa San Publio con i suoi fantastici giardini.

image
statua Indipendenza

Questa figura simboleggia la libertà ottenuta dal Governo Inglese 21 settembre 1964. Malta divenne una Repubblica 10 anni dopo.

Rappresentata da una donna con lunghe vesti che sventola una bandiera. Qui vicino vediamo anche la Chiesa di San Publio costruita in pietra calcarea come la maggior parte degli edifici intorno.

Presenta splendide sculture ed è un’opera architettonica eccezionale dedicata ad uno dei Santi Patroni di Malta.

La piazza dove risiede è stata un luogo di avvenimenti molto importanti tra cui la visita di Papa Giovanni Paolo II e la beatificazione di tre Maltesi.

image
Chiesa di San Publio

 

image
Chiesa di San Publio

cimg1538Purtroppo è giunta l’ora di partire quindi tutti a bordo 😀 per una nuova destinazione!!!!!  A presto per un nuovo aricolo un bacione SALVETTI SONIA  seguitemi

PAGINA FACEBOK

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*